The Travel Shopper

The Travel Shopper

_Five Senses Experiences_

Recent Posts

#trend2020: Sicuri di avere stile ?

#trend2020: Sicuri di avere stile ?

Cerco sempre di distaccarmi dai soliti articoli sui Trend SpringSummer o dalle liste sui pezzi #musthave della stagione. Infatti, in questo articolo voglio proprio spiegarvi la differenza tra gli stili attraverso dei MoodBoard. Cosa differenzia uno stile dall’altro? Il mio stile è ricercato ? Faccio […]

Il Karlismo

Il Karlismo

Vi voglio parlare dell’uomo che mi ha fatto innamorare della moda, colui che non ha “solo” diretto quelle maison più influenti del mondo, ma che ha creato una vera e propria filosofia attorno al suo personaggio. Ve lo introduco con una sua biografia: KARL LAGERFELD. […]

Top Hotel 2019

Top Hotel 2019

È arrivata un po’ tardi ma non troppo 😅

Come anche per il 2018, volevo stilare la mia personale classifica degli hotel in cui ho soggiornato in quest’anno! Ovviamente, dividerò tutto in categorie per facilitare la comprensione.

BEST OF BALI

Partiamo subito con il botto: la mia amatissima Indonesia. Al contrario di chi pensa che Bali sia una meta solo per chi se lo può permettere, il rapporto qualità prezzo delle accommodation è piuttosto vantaggioso per noi italiani.

Vi posso senza dubbio confermare che una villa di 100mq con piscina vicino al mare può costare 100/150€ a notte. Ovviamente, state lontani dalle catene occidentalizzate come FourSeason e Hilton ecc ecc, che garantiscono una qualità alta ma annientano completamente le usanze ed i costumi del luogo.

Vi segnalo:

A Ubud: Dedary hotel Kriyamaha

Lontano dal centro, ma uno dei più famosi hotel con ville di Ubud. Atmosfera tranquilla, camere e bagno spaziosissimi con ogni tipo di confort. All’arrivo un massaggio gratis ed una degustazione di the. La piscina pulitissima con fontane e fiori in ogni dove, frutta fresca durante il giorno e prodotti per il corpo. Cucina, salotto, sala da pranzo all’aperto con servizio 24h su 24h. Possibilità di Floating breakfast a scelta da numerosi menu!

A Seminyak : Annora Bali Villas

Posizione ottima ed accoglienza superba! Si respira proprio il senso di ospitalità dei popoli asiatici. Si tratta anche qui di una villa con piscina a prezzi ridotti ma con rapporto qualità prezzo alle stelle! Villa a due piani, vasca idromassaggio, piscina privata, cucina e camere con letto a baldacchino. Si trova proprio vicino al centro di Seminyak a pochi passi dalla famosa spiaggia DOUBLE SIX!

Best of Italy

Dove l’eleganza incontra la sostenibilità ed il futuro: Camp Zero! Penso sia la struttura più bella mai visitata in vita mia.

Non parliamo del tipico stile italiano ma di linee moderne e futuristiche ma naturali allo stesso tempo. Si chiama campo proprio per richiamare lo spirito sportivo dei viaggiatori che decidono di passare la loro vacanza a Champoluc. Le suite si sviluppano su due piani con due bagni e due televisioni, balconi con vista sui monti, essenze naturali, stile minimalista, ristoranti di classe, escursioni, spa e piscine al chiuso ed all’aperto. Colazione a km0 e personale gentilissimo!

Best view

Oltre ogni mia aspettativa, rientra nella classifica una catena alberghiera occidentale: Novotel di Montecarlo.

Nonostante sia su una linea standard di qualità, l’hotel di Monaco mi ha lasciata positivamente stupita per la classe e per l’arredamento. La sala da pranzo e da colazione è posizionata sul bordo piscina solamente isolata da una vetrata di 3 piani e da maestosi lampadari che scendono dall’ultimo piano. La luminosità della hall e del Bar richiamano l’occhio di ogni viaggiatore e creano un atmosfera rilassante ed elegante allo stesso tempo.

Consiglio vivamente di prenotare la camera con vista, poiché dal balcone se ne ha una meravigliosa e centrale su tutta la città ed il porto! Posizionato a 5 min a piedi dal Casinó e dall’Hotel de Paris, vanta una location comoda con prezzi molto bassi per gli standard di Montecarlo.

Sui nomi trovate dil link dell’hotel indicato 🥳💕

E voi in quali hotel da signo siete stati ?

Scrivetemelo nei commenti o se preferite in privato!

#dettagli: quelli belli

#dettagli: quelli belli

Siccome sarete stufi dei soliti articoli, ho deciso di impostare quest’ultimo in una maniera diversa. Infatti, quest’anno per parlarvi dei trends della Ss20, ho deciso di improntare il tutto su una carrellata di dettagli che in sé raccolgono lo stile che abbiamo visto in passerella […]

#ecofriendly: Solo fino ad un certo punto?

#ecofriendly: Solo fino ad un certo punto?

Sto per parlare di uno degli argomenti più in discussione del momento. Questa sostenibilità tanto criticata da una parte o adorata dall’altra, ormai è la direzione in cui si stanno muovendo tutte le industrie al mondo. Che ci crediate o meno, il nostro pianeta ha […]

#winterguide: Travel&Style

#winterguide: Travel&Style

Avete in programma un viaggio invernale ma non sapete cosa mettere in valigia?

A volte, i voli low-cost non comprendono nel prezzo del biglietto il bagaglio da stiva, il che rende molto difficile prepararsi a temperature fredde.

Se invece scegliete di viaggiare in treno o con la vostra auto, vi insegnerò come gestire al meglio i vostri outfit in modo da essere sempre fashion senza patire il freddo.

Inoltre, ho spulciato tra i più famosi blog di viaggiatori alla ricerca delle mete più ambite tra dicembre e febbraio, in modo da consigliarvi al meglio il tipo di tessuto adatto alle vostre esigenze.

So,

LET’s GO !

City

L’inverno nelle metropoli può essere insidioso. Di solito, sono piuttosto caotiche e l’inquinamento atmosferico alza i livelli di umidità nell’aria. In questo modo, il nostro corpo percepirà più freddo del solito e avrà bisogno di scaldarsi il più possibile. Gli inverni umidi sono peggiori di quelli secchi, quindi ci si deve vestire a dovere. Prediligete tessuti naturali e non sintetici, che favoriscono la traspirazione della pelle. Il trucco è portarsi più ricambi di intimo e cambiarsi anche due volte al giorno.

Le città umide si distinguono per i soventi cambi meteorologici, quindi potrebbe piovere sempre da un momento all’altro! Visitare queste megalopoli nei mesi estivi, potrebbe essere la rovina della vostra vacanza, in quanto il livello di umidità potrebbe anche sfiorare i 90% .

In valigia non possono mancare:

  • calzini, canotte e magliette 100% cotone;
  • Giubbini antivento e pioggia ma traspiranti
  • Abbigliamento comodo in modo da poter sfruttare al meglio l’effetto cipolla
  • Zainetto per i cambi durante la giornata

Città: Tokyo, San Pietroburgo, Londra e maggiori città europee.

Cime innevate

Se avete deciso di passare il vostro inverno in una location più fredda rispetto alla vostra, siete nel posto giusto. L’abbigliamento da neve è molto differente da quello da città, proprio per questo è difficile scegliere dei capi che risultino trendy ma allo stesso tempo adatti a quelle temperature.

Partiamo dalle scarpe: devono essere impermeabili e non devono avere una suola scivolosa; ad esempio I Mou e gli Ugg sono magnifici per la neve.

Attenzione ho detto neve e non pioggia! La loro soglia di impermeabilità è molto bassa ma regge l’impatto con la neve. Il pelo all’interno e il rivestimento in suede creano un isolamento termico non indifferente.

Infatti, ogni tessuto pesante rivestito da un tessuto impermeabile o meno ha questo tipo di vantaggio che in inverno è l’ideale se si devono visitare delle cime innevate.

Se si ha a disposizione una valigia molto piccola, consiglio di scegliere solamente un abbigliamento che aderisca al vostro corpo, in tessuto sintetico. I materiali sintetici non sono naturali, ma sono perfetti isolanti termici sopratutto se aderiscono alla pelle, si lavano facilmente e non occorre stirarli.

Ricordiamoci che esistono leggins e dolcevita imbottiti per un outfit sportivo ma più femminile.

In valigia:

  • Vestiti in tessuto sintetico
  • Cappellini e guanti
  • Stivaletti (e basta)
  • Giubbotti con impermeabilità alta (sia piuma che termoball)

Località: Alpi italiane, Svezia, Norvegia e Finlandia, Nord America, Siberia e Hokkaido.

Sabbia e caldo

Mete tra le più ambite in inverno, dove si riesce ad abbronzarsi e rilassarsi al caldo anche quando a casa nostra di battono i denti dal freddo.

Se scegliere questi luoghi oltre oceano non avrete problemi a preparare la valigia giusto?

Sbagliato!

A seconda che voi vi troviate in un luogo con clima umido o secco, avete diverse possibilità di scelta. Troviamo infatti due ambientazioni diverse: tropicale o desertico.

Se scegliere come mete: Maldive, Indonesia e Filippine il clima sarà per di più umido. Quindi usate tessuti soltanto naturali!

Se scegliete come mete: Dubai, Marrakesh o Las Vegas avrete un escursione termica tra il giorno e la notte non indifferente.

Il consiglio più spassionato, che a voi sembrerà uno scherzo, è scegliere dei vestiti di lana. La lana di qualsiasi ovino è un grandissimo isolante termico per i climi secchi in quanto mantiene la temperatura corporea, lascia respirare la pelle e non lascia penetrare i raggi solari.

In valigia dovete portare:

  • Vestiti di tessuto naturale non sintetico
  • Maglioni di lana
  • Le scarpe che volete
  • Creme per idratare la pelle
  • Dove avete scelto di passare le vostre vacanze natalizie?

    Siete riusciti a ritagliarvi un po’ di relax?

    Scrivetemi e seguitemi su Instagram

    _nikyniky_ per scoprire dove ho scelto di passare le feste e per altri consigli di moda viaggiando.

    Auguri ❤️❄️

    #mypersonaltips : Viaggi in oriente (parte 2)

    #mypersonaltips : Viaggi in oriente (parte 2)

    Non mi sono dimenticata di continuare l’articolo, tranquilli! I viaggi in oriente possono essere molto complicati da organizzare, quindi leggete attentamente questa seconda parte. Cibo Come ben sapete a me piace sperimentare ristoranti nuovi, pietanze diverse e i cibi locali. Non sopporto quel genere di […]

    DUBLIN VS LONDON: quello che non dici

    DUBLIN VS LONDON: quello che non dici

    Volevo avvisare tutti i lettori che questo non sarà un articolo come gli altri. Non conterrà chissà quale consiglio di viaggio o di outfit in particolare, ma solo delle mie sensazioni e considerazioni sulla diversità tra Dublino e Londra: due città che mi hanno regalato […]

    #musthave2019: Autumn edition 🍂

    #musthave2019: Autumn edition 🍂

    Sta finendo l’estate e i primi rossori dell’autunno stanno colorando gli alberi. Iniziamo ad aver voglia di copertina e Netflix ma non vogliamo perderci gli ultimi raggi di sole …quindi, trovata l’ispirazione per uscire, siamo bloccate dalla fatidica domanda: “Come mi vesto ?”

    In realtà, l’autunno è quella stagione dove tutto è concesso. Si possono ancora indossare colori più estivi oppure ci si può già coprire con le tonalità cupe dell’inverno. In pratica, però, camminando per la città, trovo degli outfit costruiti in un modo completamente sconnesso e senza stile.

    Userò questo post proprio per facilitarvi nella scelta dell’outfit perfetto, ma in modo differente e innovativo. TROVERÒ UNA SOLUZIONE IN BASE AL METEO SCRIVENDOVI ANCHE I BRAND USATI COME ESEMPIO.

    In questo modo: “GONNAeFELPA: YOURFASHIONSTORIES”

    Il meteo, secondo me, è proprio l’ente disturbante del modo con cui scegliete i capi che indosserete in quella giornata, facendovi perdere tempo.

    Leggete questo articolo e non avrete più nessun dubbio!

    Tempo ventilato

    Parlo di quelle giornate ventose, magari anche soleggiate, ma che creano problemi sia a chi ha deciso di coprirsi, sia di scoprirsi. Consiglierei tessuti non troppo traspiranti e né troppo pesanti con colorazione tenue per non appesantire troppo il look e la figura.

    Copritevi il collo magari con un dolcevita oppure scegliete un poncho, ma prendete anche in considerazione le tute sportive: trend, facili da abbinare e coprenti quanto basta.

    TUTA: Zara

    Dolcevita con pantaloni pinces: TOPSHOP

    Tempo soleggiato

    Il rischio che si corre è di pensare di aver caldo, optare per un completo estivo e poi indossare il primo maglione pesante o giubbino che invecchia tutto l’outfit in un colpo solo. Dimenticatevi i vestiti estivi e sceglietene uno con un tessuto più spesso con colori più caldi, magari una longette. In questo modo, non ci sarà troppa differenza tra lo spessore del tessuto del capospalla e quello del capo sottostante.

    VESTITO: NASTYGAL

    VESTITO PIUMATO: YOURFASHIONSTORIES

    Giornata cupa

    La nostra peggiore nemica. In realtà la maggioranza di noi, neppure vorrebbe uscire ma, se proprio ci tocca almeno facciamolo con stile. Sdrammatizzare! Questo è il mio spassionato consiglio.

    Verrete notate da tutti e questo mood positivo, irradierà (si spera) anche la giornata quegli altri. Questo vale anche per le giornate piovose, impostate il vostro look su uno stivale e giocate con gli accessori!

    OUTFIT TOTALWHITE: NASTYGAL

    MAGLIONE CON PANTALONI IN PELLE: ZARA

    Come avete visto dalle foto, i must have di questo autunno non sono molto diversi dallo scorso (leggete i vecchi post per scoprire il perché). Notiamo solamente una introduzione del TotalWhite al posto del TotalBlack ed una continua maschilizzazione dei dettagli stilistici o della silhouette degli abiti femminili.

    Difficilmente troviamo jeans skinny fit o pantaloni a sigaretta ma tagli boy-friend o a campana con pinces. Lo stile vintage sta inondando tutte le passerelle con il suo taglio oversize a livelli quasi estremi .

    Vi piace la direzione in cui sta andando la moda in queste ultime stagioni ? Non sembra che stiano cercando di creare dei capi unisex unendo i generi maschile e femminile?

    ULTIMI DUE COMPLETI: TOPSHOP

    Rifletteteci su e scrivetemi quando volete !

    Vi aspetto su Instagram e Facebbok per le ultime novità!

    #mypersonaltips: Viaggi in Oriente

    #mypersonaltips: Viaggi in Oriente

    Non vedevo l’ora di scrivere questo articolo, ma non sapevo come scriverlo e che punti analizzare maggiormente. In tanti mi avete chiesto informazioni sul mio itinerario di Bali e Singapore, ma pochi di voi mi hanno chiesto che trucchi ho utilizzato per rendere il mio […]

    #mountains : Resort&Spa

    #mountains : Resort&Spa

    “Per quest’anno non cambiare, stessa spiaggia e stesso mare” cantava Piero Focaccia nel 97. Ed aveva ragione: la maggior parte degli italiani, scoccata l’ora X, partiva con figli e bagagli alla ricerca del metro quadro libero di spiaggia per piazzare l’ombrellone. Pienone. Caldo e afa. […]